AVVISO ALLA POPOLAZIONE

A seguito di diverse segnalazioni circa la presenza di operatori non autorizzati che si recano presso le private abitazioni chiedendo di entrare per effettuare tamponi afferenti l’infezione Coronavirus

SI COMUNICA CHE

Nessun Ente pubblico o privato autorizzato e/o riconosciuto svolge queste attività a domicilio e che trattasi con molta probabilità di tentativi di truffa e/o furto in abitazione.

Nel caso si venga contattati da soggetti sconosciuti per accessi di tale tipo, si invita ad avvisare immediatamente il 112 o il locale Comando di Carabinieri

Protezione civile: Emergenza Coronavirus, nuova campagna di iscrizioni al sistema di comunicazione “Alert System GARFAGNANA”. Il servizio che consente di informare velocemente i cittadini sulle possibili criticità del territorio.INVITO A REGISTRARSI

In relazione alla difficile situazione che sta attraversando il territorio per l’emergenza Coronavirus, i Sindaci della Garfagnana rinnovano l’invito ad iscriversi al servizio gratuito e veloce “Alert System GARFAGNANA”, gestito dall’Unione Comuni Garfagnana che consente l’immediata comunicazione ai cittadini di messaggi vocali e per raggiungere il maggior numero di persone ed informarle tempestivamente sulle norme di comportamento da adottare e misure da intraprendere previste dai piani di emergenza ed altre notizie utili a prevenire situazioni di disagio su indicazione dei soggetti preposti Presidenza Consiglio dei Ministri – Dipartimento di Protezione Civile, Regione Toscana, Prefettura di Lucca e Provincia di Lucca.

Con una telefonata sul cellulare o a casa oppure tramite un sms, i cittadini dei Comuni della Garfagnana, attraverso questo servizio dell’Unione Comuni, possono essere avvertiti nei momenti di bisogno e per rendere più consapevoli i cittadini. Coscienti che un cittadino ben informato sia il presupposto fondamentale per evitare coinvolgimenti di persone in situazioni pericolose in caso di accadimenti reali, sapere come comportarsi durante un evento calamitoso, come quello che sta attraversando attualmente anche il nostro territorio, è un impegno che ogni cittadino è chiamato ad assolvere e questo è sancito anche dal nuovo codice di protezione civile di recente adozione con D.L. 1/2018.

L’importanza del servizio offerto presuppone la necessità, per i numeri di telefonia mobile, di procedere o ad un’iscrizione on-line compilando il form al link https://registrazione.alertsystem.it/unionecomunigarfagnana/ oppure compilando il modulo in formato cartaceo scaricabile dal sito istituzionale dell’Ente al link http://ucgarfagnana.lu.it/attivato-il-nuovo-sistema-di-comunicazione-alert-system-garfagnana/o – in via del tutto eccezionale – comunicandolo telefonicamente all’ufficio URP 0583 – 644911 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00.

Si rinnova l’invito a tutti i cittadini a consultare il sito istituzionale dell’Unione Comuni Garfagnana http://ucgarfagnana.lu.it/protezione-civile/piano-intercomunale-protezione-civile/ per prendere conoscenza dei comportamenti da tenere durante i possibili scenari di criticità del territorio previsti dal Piano di Protezione Civile Intercomunale e per rimanere aggiornati sul nuovo sistema “Alert System GARFAGNANA”.

Coronavirus: ARERA ( Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente ) blocca i distacchi per morosità per elettricità, gas e acqua.

Fino a 1 mld per attuali e futuri interventi per consumatori, differite anche le più vicine scadenze previste dalla regolazione.

Tutte le eventuali procedure di sospensione delle forniture di energia elettrica, gas e acqua per morosità – di famiglie e piccole imprese – vengono rimandate dal 10 marzo scorso e fino al 3 aprile 2020. Viene inoltre istituito un conto presso la Cassa per i servizi energetici e ambientali, con disponibilità fino a 1 miliardo, per garantire la sostenibilità degli attuali e futuri interventi regolatori a favore di consumatori e utenti.

Sono queste le prime disposizioni decise da ARERA per contrastare le criticità legate all’epidemia COVID-19.
Dovranno quindi essere interamente rialimentate le forniture di energia elettrica, gas e acqua eventualmente sospese (o limitate/disattivate) dal 10 marzo 2020.
Dal 3 aprile il fornitore interessato a disalimentare/ridurre la fornitura del cliente moroso è tenuto a riavviare la relativa procedura di sospensione e procedere nuovamente alla sua costituzione in mora.

Nel dettaglio, la sospensione dei distacchi per morosità per l’elettricità riguarda tutti i clienti in bassa tensione e per il gas tutti quelli con consumo non superiore a 200.000 Smc/anno.
Per il settore idrico si fa riferimento a tutte le tipologie di utenze domestiche e non domestiche.

Il conto, istituito presso la Cassa per i servizi energetici e ambientali, avrà il compito di sostenere le straordinarie esigenze di immediata disponibilità di risorse finanziarie per garantire, nella fase di emergenza in corso, la sostenibilità degli interventi regolatori a favore dei clienti finali nei settori di competenza dell’Autorità.
Per il suo finanziamento la Cassa potrà trasferire – transitoriamente e compatibilmente con la regolare gestione dei pagamenti relativi alle finalità per le quali i conti di gestione ordinari sono stati costituiti- un importo fino a 1 miliardo di euro, attingendo alle giacenze disponibili. Tali importi dovranno poi essere restituiti ai conti di gestione di pertinenza.

Con ulteriore delibera, l’Autorità ha anche differito una serie di termini (in particolare le scadenze più ravvicinate) per gli adempimenti di regolazione dei settori idrico, energetico e ambientale.

Resta comunque salva la facoltà per l’Autorità di intervenire con ulteriori provvedimenti, anche d’urgenza, al fine di affinare o integrare le misure elencate, o di introdurne di nuove a tutela di ulteriori esigenze che dovessero emergere nel corso degli approfondimenti in corso sull’impatto nei settori di propria competenza delle misure governative di contenimento dell’epidemia da COVID-19.

Viene inoltre segnalata alle competenti autorità l’opportunità di riconsiderare i termini previsti dalla normativa vigente per l’approvazione (relativi all’anno 2020) delle “tariffe della TARI in conformità al piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani”, proponendo il differimento al 30 giugno 2020 del termine del 30 aprile 2020 attualmente previsto.

1 2 3